A SEGNALARE LE BUCHE STRADALI CI PENSA MULTATEST

lettera diffida segnalazione buche

MultaTest, l’applicazione che redige in automatico i ricorsi, adesso compila per te gratuitamente le istanze per segnalare la presenza di buche e per diffidare gli enti che non provvedono alla riparazione delle strade. Clicca qui per provare MultaTest

 

Perchè segnalare una buca pericolosa o altre insidie stradali

Secondo alcuni studi autorevoli circa il 30% degli incidenti stradali è imputabile a strade dissestate o inadeguate.

Abbiamo pensato che sarebbe stato utile implementare MultaTest con una nuova funzione che consentisse agli utenti della strada di redigere in automatico le istanze per segnalare la presenza di buche e per diffidare gli enti che non provvedono alla riparazione delle strade di loro competenza.

Quando utilizzare la lettera di diffida

La lettera di diffida elaborata da MultaTest va utilizzata per denunciare all’ente proprietario della strada la grave situazione di pericolo che interessa un tratto stradale: buche ed avvallamenti sul fondo stradale gravemente dissestato, presenza di pietrisco, smottamenti, frane, cunette non segnalate, ecc.

In particolare la nuova applicazione permette di redigere lettere di reclamo per chiedere la rimozione situazioni di pericolo per la circolazione stradale, in assenza di danni a cose e persone, quindi senza alcuna richiesta di risarcimento del danno.

Per la richiesta di eventuali risarcimenti per il danno causato da una strada dissestata è necessario modificare la lettera, quindi è consiglibile rivolgervi ad un professionista di fiducia.

A chi denunciare la pericolosità di una strada

La segnalazione può essere effettuata dal singolo utente della strada che si trova a percorrere la strada, dagli abitanti della zona, o da qualsiasi altro cittadino che ne abbia interesse.

La lettera di diffida deve essere trasmessa all’ente proprietario della strada.

Infatti l’art. 14, comma 1, del Codice della Strada, prevede espressamente che: 

Gli enti proprietari delle strade, allo scopo di garantire la sicurezza e la fluidita’ della circolazione, provvedono:

a) alla manutenzione, gestione e pulizia delle strade, delle loro pertinenze e arredo, nonche’ delle

attrezzature, impianti e servizi;

b) al controllo tecnico dell’efficienza delle strade e relative pertinenze;

c) alla apposizione e manutenzione della segnaletica prescritta.

E’ importante pertanto conoscere il tipo di strada perchè, l’ente proprietario e/o gestore della strada, responsabile della manutenzione, varia in relazione alla classificazione della strada.

Il Codice della strada distingue le strade in: strade comunali (SC), strade provinciali (SP), Strade Regionali (SR), Strade Statali (SS). Enti proprietari delle dette strade sono rispettivamente lo Stato, la regione, la provincia, il comune.

Se devi fare una segnalazione che riguarda una strada statale di competenza dell’ANAS, MultaTest indicherà in automatico l’ufficio e l’indirizzo dove trasmettere la lettera di reclamo.

Negli altri casi, dovrai individuare l’ufficio competente, in relazione alla strada interessata.

Per esempio la “S.P. 8 Chieti – Roccamontepiano” è una strada di competenza della Provincia di Chieti; quindi la lettera andrà inviata all’indirizzo di posta elettronica della Provincia di Chieti o dell’ufficio competente, che potrai trovare facilmente utilizzando il tuo motore di ricerca.

Entro quanto tempo deve rispondere l’ente proprietario della strada

L’ente proprietario del tratto stradale ha 30 giorni di tempo per comunicare all’istante il provvedimento che intende adottare.

In caso di ritardo nella emanazione del provvedimento che lo riguarda, il cittadino può trasmettere una specifica richiesta all’ente proprietario della strada per conoscere la fase in cui si trova il procedimento e il termine entro cui dovrà concludersi.

La domanda può essere presentata direttamente agli uffici oppure spedita tramite pec, posta elettronica ordinaria, o raccomandata allegando un documento d’identità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *